Ottimizzazione SEO: ecco la guida completa al ranking

Articolo aggiornato il 20/04/2020

Apparire fra i primi risultati su Google grazie alla SEO? È l’obiettivo di tutti, ma sulla prima pagina c’è posto solo per max. 10 candidati.
La lotta alla pole position è davvero dura. In questo articolo ti spieghiamo come conquistare la vetta.

Ottimizzazione SEO libro

Questo articolo è molto lungo, ti consigliamo di salvare questa pagina per consultarla anche in un secondo momento o di scaricare la check-list gratuita per il salire in cima al ranking di Google.

Ecco il link per il download:

migliorare ranking SEO

Indice:

1. Che cos'è la SEO?

2. Perché ha senso investire nella SEO?

3. Cosa si intende con On-Page SEO e Off-Page SEO?

4. Così migliori il ranking del tuo sito web

5. Conclusione

Che cos’è la SEO?

Che cosa si intende per “SEO” e perché è importante per acquisire nuovi visitatori e clienti?

Ottimizzazione SEO ricerca google
SEO è l’abbreviazione del termine inglese Search Engine Optimization, in italiano “Ottimizzazione per i motori di ricerca”.

Ottimizzare il proprio sito web per i motori di ricerca significa che, in base a diversi fattori, esiste una probabilità maggiore di indirizzare i visitatori da Google, Bing ecc. verso il proprio sito web.

Perché ha senso investire nella SEO?

1. Perché funziona:

Alcuni sostengono che il periodo dell’ottimizzazione per i motori di ricerca sia finito. Niente di più sbagliato! La SEO si è evoluta semplicemente in positivo nel corso degli ultimi anni.

Nel passato, la SEO era ad alto tasso di spam.

ttimizzazione SEO gif spam

Grazie ai costanti aggiornamenti di Google, la situazione è notevolmente cambiata. Chi spamma viene punito. Chi invece si impegna a favore di una user experience di qualità, viene premiato con un ranking migliore.

2. Perché continuerà a funzionare ancora a lungo:

I motori di ricerca sono giganti della tecnologia. Devono rimanere costantemente aggiornati e al passo con le ultime novità per rimanere rilevanti e poter essere utilizzati in maniera efficace.

Ricerche vocali e di video sono la tendenza. Anche per questo servono motori di ricerca in grado di mostrare risultati rilevanti. È quindi facilmente prevedibile che la SEO, anche in futuro, continuerà a svolgere un ruolo importante.

3. La tua concorrenza utilizza la SEO:

È ormai ampiamente risaputo che la SEO è una solida tattica di marketing per acquisire nuovi clienti e generare un ROI redditizio.

Molto probabilmente lo sanno anche i tuoi concorrenti, e anche loro utilizzano l’ottimizzazione per i motori di ricerca per assicurarsi ogni giorno che i propri clienti riempano per bene i carrelli.

Se il tuo negozio online è in grado di offrire a un cliente un miglior valore aggiunto, ma questo cliente non riesce a trovarlo, acquisterà in un altro negozio.

Per questo è opportuno ricordare che:

Chi non usa la SEO, regala clienti e fatturato alla propria concorrenza!

Ora che sei a conoscenza dell’enorme importanza dell’ottimizzazione per i motori di ricerca, dedichiamoci alla seconda parte della spiegazione riguardo alla SEO:

In che modo viene deciso quali siti web devono essere apparire fra i primi risultati e quali invece no?

Dopo aver inserito una richiesta nel motore di ricerca, vengono visualizzati i siti web corrispondenti a quanto richiesto dall'utente.

Ottimizzazione SEO risultato google


I motori di ricerca, a prescindere che si tratti di Google, Bing o Yelp, utilizzano un algoritmo, il quale decide quali siti web mostrare fai i primi risultati di ricerca.

Secondo gli esperti, l’algoritmo di Google fa leva su ben oltre 200 fattori per stabilire se un sito web viene ben posizionato nei risultati di ricerca. Oppure no.

In linea di massima i fattori principali determinanti per il posizionamento di un sito web sono due: OnPage SEO e OffPage SEO.

Cosa si intende per OnPage SEO e OffPage SEO?

OnPage SEO indica l’ottimizzazione che avviene sul proprio sito web.
Alcuni dei fattori OnPage decisivi sono:

  • quanto tempo impiega alla pagina dello shop a caricarsi
  • la qualità e la rilevanza dei testi sul sito
  • la struttura del sito web
  • la visualizzazione (per il formato smartphone)

Con ottimizzazione OffPage si intende tutto ciò che avviene al di fuori del proprio sito webAd esempio:
  • la struttura dei link esterni
  • le attività dei social media (Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, ecc.)

Per apparire fra i primi risultati di Google tramite i termini di ricerca desiderati, è necessario fare attenzione ad alcuni fattori.

Per scoprire quali sono questi fattori e in che modo puoi trovare potenziali clienti per il tuo negozio online con l’aiuto della SEO, consulta il nostro libro bianco gratuito:

SEO per shop

Ottimizzazione SEO - Così migliori il ranking del tuo sito web

Di seguito ci soffermeremo su alcuni punti importanti da prendere in considerazione per incrementare la facilità di ricerca e la visibilità del tuo sito web.

Scarica la check-list gratuita

1: Scegli l’hosting giusto

Nessuna attività SEO avrà successo se le fondamenta non sono appropriate.
A costituire le fondamenta di ogni sito web è l’hosting.

Una caratteristica fondamentale dell’hosting del vostro sito web è la velocità. Investi in un server Premium vicino al tuo gruppo target (per es. in Italia per i clienti italiani).

L’alternativa al Premium hosting, a partire da circa 30 euro al mese, è lo Shared hosting. Quest’ultimo è più lento, ma anche più economico.

Nella variante Shared hosting, il tuo sito web si trova nello stesso server di altri siti e deve condividere con questi gli effetti benefici.

Ciò può significare che il tuo sito web diventa più lento qualora una delle altre pagine sul server riceva molti visitatori. Non è proprio una soluzione ottimale, ma è senza dubbio sufficiente per un inizio.

Il nostro consiglio: investi in un hosting migliore non appena avrai più budget a disposizione. Così facendo potrai incrementare la velocità del tuo sito, fattore che di norma si ripercuote positivamente anche sul ranking.

2: Scegli un nome efficace per il dominio

Il nome del dominio è l’indirizzo al quale è possibile trovare il tuo sito web. Per esempio business.trustedshops.it.

Ricordati di scegliere un nome appropriato e sensato, che sia efficace anche a distanza di anni.

Se possibile, inserisci il nome del tuo marchio nel dominio. Evita invece di inserire un puro termine di ricerca. Ad esempio:

  • Dominio con marchio: trustedshops.it – ottimo
  • Dominio con termine di ricerca di una marca: trustedidraulico.it – buono
  • Dominio con termine di ricerca: idraulico-torino.it – potrebbe essere problematico

Perché un dominio con un termine di ricerca potrebbe rappresentare un problema?

Ipotizziamo che tu lavori come consulente matrimoniale e che ti sia aggiudicato il dominio "consulenzamatrimoniale-roma.it".

Di primo acchito sembrerebbe un ottimo dominio: il termine di ricerca più importante è il dominio, e tutti capiscono subito di cosa si tratta. In cosa consiste dunque il problema?  Ci sono diversi problemi (potenziali):

Primo problema:

Il nome fa pensare che ti occupi principalmente di coppie sposate. Le coppie non sposate potrebbero pensare velocemente che non puoi o non vuoi aiutarle.

Questo perché il tuo dominio è consulenzamatrimoniale.

Forse un po’ infondato, ma nell'ottimizzazione SEO ci sono migliaia di piccoli fattori che svolgono un ruolo.

Continuiamo...

Secondo problema:

Se deciderai di offrire ulteriori servizi in futuro, come ad esempio wessing planner, il tuo dominio non sarà adatto al tuo nuovo gruppo target. In tal caso, ti sarà necessario creare una seconda pagina Internet. Il che non sarebbe molto efficiente in termini di SEO.

Scegliendo una marca come nome del dominio, eviterai questo tipo di problema.

Terzo problema:

I motori di ricerca sono diventati molto sensibili per quanto riguarda l’iperottimizzazione. E proprio i domini con termini di ricerca sono particolarmente vulnerabili.

Se implementi dei backlink (ne parliamo meglio più avanti) e utilizzi troppo spesso il tuo termine di ricerca principale come testo di ancoraggio (Anchor Text), si accenderanno le spie di allarme: iper-ottimizzazione!

Non appena il tuo sito web ha attivato l’allarme, può darsi che Google lo faccia sparire dai risultati di ricerca.

In base ai tre problemi appena illustrati, ti consigliamo di scegliere un dominio contenente il nome di una marca.

Così facendo, la tua immagine apparirà anche più seria.

Basti pensare a grandi aziende lucrative e di successo:

  • Google è un marchio, il suo URL non è motorediricerca.it
  • Nike è un marchio, il suo URL non è scarpesportive.it
  • Starbucks è un marchio, il suo URL non è coffee-to-go.it
  • Feltrinelli è un marchio, il suo URL non è libriedvd.it
  • Sistrix è un marchio, il suo URL non è strumento-SEO.it

I domini con termine di ricerca migliori sono comunque già assegnati.

3: Attiva gli HTTPS

All'inizio c’era soltanto http, in seguito https per rendere Internet più sicuro. Ciò significa:

  • https://www.esempio.it è crittografato
  • http://www.esempio.it non lo è

Lettura consigliata: HTTPS: perché è importante integrare l'SSL nel tuo shop

Soprattutto nel caso in cui il tuo sito web non sia solamente informativo, ma che tratti inoltre anche dati confidenziali (ad moduli di contatto o dati di pagamento), questo deve essere assolutamente crittografato.

Google sottolinea già da tempo l’importanza della crittografia dei siti web. I siti non criptati vengono indicati come “non sicuri”.

Certamente non infonde fiducia nei visitatori e rende l’ottimizzazione SEO più complicata...

Per questo motivo dovresti richiedere un certificato SSL direttamente al tuo hoster, di modo che il tuo sito web sia criptato e possa essere caricato in modo sicuro.

Come piccolo bonus, il tuo sito web sarà anche un po’ più veloce e verrà mostrato in via preferenziale dai motori di ricerca.

4: Definisci il focus del tuo sito web

Per cosa desideri essere trovato e che cosa vuoi raggiungere con il tuo sito web? Queste sono le prime domande che ti dovrai porre.

In fin dei conti, un sito web (solitamente) ha un solo compito: acquisire clienti. Ed è proprio su questo che il tuo sito dovrebbe concentrarsi. Pensa quindi al termine di ricerca più importante per te:

Qual è l’obiettivo principale? L’acquisizione di clienti o l’acquisto di un prodotto?
Vuoi presentarti come esperto o intendi principalmente promuovere un prodotto?

Prenditi qualche minuto di tempo, qualche ora o addirittura qualche giorno per capire bene cosa vuoi davvero raggiungere con il tuo sito.

Questo passaggio è importante anche nel caso tu decida di investire in campagne in Google Ads.

5: Un sito web mobile friendly

Più della metà del traffico Internet proviene ormai da dispositivi mobili, e la tendenza è in crescita.

Per questo è estremamente importante ottimizzare il proprio sito web fin dall'inizio per la corretta visualizzazione da smartphone e tablet. In questo modo, gli utenti mobili non si spaventeranno se visitano il tuo sito.

seccature shopping da dispositivi mobili

Con Wordpress, la creazione di un sito web moderno e reattivo e dei suoi contenuti viene notevolmente semplificata.

Ma anche con altri CMS e sistemi di negozi, la creazione di un sito web reattivo non è più così complicata come qualche anno fa.

Se non ti occupi del web design in prima persona, dovrai dire assolutamente al tuo designer su cosa deve essere incentrato il tuo sito web.

Assicurati che il web designer abbia esperienza in fatto di SEO, in modo che il tuo sito web non solo sia buono dal punto di vista estetico, ma, soprattutto, possa essere anche trovato velocemente dai motori di ricerca.

È inoltre necessario accertarsi che i contenuti del sito siano ottimizzati per i dispositivi mobili.

6: Crea le pagine più importanti sul tuo sito web

Accertati che le sottopagine più importanti del tuo sito siano presenti fin dall'inizio, in modo da costituire una buona base:

  • Homepage – La pagina iniziale
  • Pagina di contatto – In questo modo i visitatori potranno contattarti
  • Pagina "Chi siamo" – Per far sì che i visitatori possano scoprire di più su di te (e/o il tuo team, eventualmente)
  • Offerta/servizi – Così i tuoi visitatori sapranno che cosa offri
  • Blog – La sezione in cui appariranno in seguito gli articoli da te pubblicati
  • Protezione dei dati e informazioni legali – Una seziona noiosa, ma assolutamente necessaria se non si desiderano problemi di aspetto legale.

In linea di massima, questa è la struttura standard che si aspettano sia i motori di ricerca, sia gli utenti.

Man mano che il tuo sito cresce, l’importanza di una struttura logica aumenta progressivamente.

E ricorda, ciascuna sottopagina deve essere raggiungibile al massimo con due clic!

7: Inserisci i testi essenziali

Dopo aver creato le pagine più importanti, dovrai dotarle di contenuti (testi, immagini, video, ecc.).

La tua homepage deve contenere circa 500-2500 parole affinché i motori di ricerca comprendano quale sia il tema del sito.

È importante che sulla homepage si trovi una risposta alle seguenti domande:

  • Che cosa offri?
  • Chi sei?
  • Che cosa pensano di te i tuoi clienti?
  • Dove operi e come possono trovarti/contattarti i clienti? (Sede e possibilità di contatto)
  • Che cos'altro devono sapere i visitatori?

Poi si passa alla pagina successiva:

Sulla pagina dei contatti deve essere offerta una modalità semplice per contattarti.

Il nostro suggerimento: qui puoi inserire di nuovo le testimonianze dei clienti e sottolineare perché è importante contattarti.

Sulla pagina Chi siamo dovresti presentare te e il tuo team:

  • Chi sei?
  • Che cosa offri?
  • Perché offri questi servizi?
  • Qual è la tua storia?
  • Perché i clienti dovrebbero scegliere te e i tuoi servizi?

Nella pagina relativa ai prodotti o all'offerta, presenta i dettagli:

  • Quale problema risolvi per i tuoi clienti?
  • In che modo semplifichi la vita dei tuoi clienti?
  • Perché la tua offerta è l’opzione migliore sul mercato?
  • Inserisci le pagine relative a Protezione dei dati e Informazioni legali è indispensabile per andare sul sicuro e non rischiare di incorrere in problemi legali.

È noioso, ma, per un buon motivo, inserire queste informazioni è obbligatorio.

Utilizza un generatore o uno strumento per la creazione della protezione dei dati, se non vuoi o non puoi pagare un legale online.

Il blog: inserisci direttamente anche una sottopagina dedicata a un blog, anche se non hai ancora pubblicato articoli. In questo modo, in futuro non dovrai nuovamente iniziare con la progettazione del sito e potrai direttamente pubblicare articoli relativi alla tua azienda, alla tua offerta/ai tuoi prodotti e al tuo settore.

Ma di questo parleremo meglio più avanti.

8: Raccogli i primi backlink

ottimizzazione SEO segnale stradale

I backlink sono quei collegamenti che inviano ad una tua pagina sulla tua pagina provenienti da altre pagine web. Sono molto importanti per Google in termini di ranking.
Backlink forti = un buon ranking!

Per dare il potere necessario al tuo sito web fin da subito, crea per prima cosa i link più importanti. Questi link devono provenire da siti web noti e già molto forti che godono già della fiducia di Google.

Nell'ottimizzazione per i motori di ricerca, quest’azione è chiamata ottimizzazione OffPage.

Crea profili nei seguenti siti web ed inserisci link alla tua homepage, alla pagina Chi siamo e alla tua offerta:

  • Pagina Facebook Business
  • Instagram
  • Twitter
  • YouTube
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • WordPress

Molte di queste piattaforme ti consentono non solo di inserire un link al sito web, ma anche ad altre piattaforme. Ciò è particolarmente interessante, perché collega i vari profili rafforzando così la cerchia della fiducia.

9: Crea un profilo Google MyBusiness

Ottimizzazione SEO google mybusiness

Dopo aver creato i profili più importanti e incorporato i link, iscriviti a Google MyBusiness. Anche se gestisci un negozio online!

  • Compila il profilo per intero.
  • Nome dell’attività (+ ubicazione)
  • Orari di apertura
  • Possibilità di contatto
  • Immagini (logo, team, immagini dei locali)
  • Link al tuo sito web

Ecco fatto!

Se la tua attività è attiva in più sedi, è necessario ripetere questo processo per ogni singola sede.

Anche nel caso in cui tu non offra servizi locali, è utile creare un profilo GMB, in quanto è un link importante che rende la tua impresa/attività più seria. Tramite GMB è inoltre possibile raccogliere le recensioni dei clienti, un importante fattore di fiducia in Internet.

10: Inserisci il tuo sito web in directory locali se vendi anche offline

Per incrementare la rilevanza locale e la possibilità che i clienti trovino la tua azienda, è importante inserire voci in diverse directory e compilarle completamente.

Alcune di queste directory sono paginegialle.it, paginebianche.it e altre pagine rilevanti per il tuo settore.

Suggerimento: i registri a pagamento, ad esempio le versioni Premium di un inserimento, non sono efficaci.

Bene. Dopo aver fatto questo... Le fondamenta stanno in piedi. Congratulazioni! Ora sei in una posizione migliore rispetto alla maggior parte della tua concorrenza.

11: Ottimizza il tuo sito web per la ricerca

ottimizzazione SEO stelle gialle

Utilizza questa piccola check list per la tua homepage e ciascuna sottopagina del sito (eccetto Contatti, Informazioni legali e Protezione dei dati) per porti in una posizione ottimale.

1. Utilizza un titolo della pagina sensato con una lunghezza di max. 50-55 caratteri

2. La struttura URL deve essere chiara e pulita senza riempitivi. Gli URL devono essere il più possibile brevi e concisi.
Esempio: esempio.it/imbianchino-torino e non esempio.it/ottimo-idraulico-a-torino-e-dintorni

3. Evita testi troppo brevi. Ciascuna sottopagina deve contenere almeno 500 parole e due immagini, se ha senso.

4. Offri un valore aggiuntivo. Lo scopo dei testi, delle immagini e dei video sui siti web è di aiutare i visitatori o di informarli su come risolvere un problema.
Non utilizzare contenuti duplicati, rubati o di scarsa qualità.

5. Inserisci il Meta Title (titolo) e la Meta Description (breve descrizione del contenuto della pagina). Il titolo deve contenere al max. 60 caratteri e la descrizione max. 300 caratteri, altrimenti verrebbe abbreviata nei risultati di ricerca. Esistono diversi strumenti e Plug In che possono aiutarti.

6. Rinomina le immagini sulla tua pagina in modo sensato e con criterio (non 814foto.jpeg) e inserisci gli Alt Tag descrittivi.

7. Ottimizza le immagini sul tuo sito web in modo che le dimensioni siano il più possibile ridotte, pur rimanendo nitide. Esistono diversi strumenti e Plug In che possono aiutarti. Se inserisci foto già ottimizzate, è meglio.

Inoltre, non ci sono (quasi) motivi per inserire sul sito foto con una risoluzione superiore a 1900x1080 pixel.

8. Utilizza titoli e sottotitoli (H2, H3, H4, ecc.) per strutturare i testi sul sito in modo logico e con criterio.

9. Rendi i testi interessanti e allettanti. Utilizza abbastanza paragrafi, immagini e video, in modo che il risultato non sia un blocco di testo difficile da leggere.

10. Controlla l’ortografia e la grammatica dei testi scritti. Un testo con molti errori è davvero poco professionale. (A volte possono capitare piccoli errori, è normale)

11. Sfrutta il collegamento interno tramite link con informazioni interessanti che rimandino a pagine del tuo sito dedicate all'argomento.

12. Inserisci i link NoFollow a protezione dei dati, informazioni legali e contatti per concentrare l’attenzione sulle pagine importanti.

13. Inserisci l’indirizzo della sede dell’attività tramite Schema.org-Mark-Up sulla pagina della sede. Se hai una sola sede, dovrai inserirla nel piè di pagina.

14. Utilizza Google Maps e Immagini con GEO Tag sulle pagine della sede.

15. Integra sul tuo sito web opzioni di condivisione, in modo che i tuoi visitatori abbiano la possibilità di condividere il tuo sito, blog, video, ecc, se lo desiderano.

16. Aggiungi al tuo menù solo le pagine più importanti: Home, Offerta, Chi siamo, Blog, Contatti. Non c’è motivo di sovraccaricare il menu del sito.

17. Rendi i contatti visibili. Non perdere clienti perché non sono riusciti a trovare i contatti!

In breve: rendi la navigazione sul tuo sito il più semplice possibile per i tuoi visitatori.

12: Scegli le parole chiave con le quali vuoi apparire fra i risultati Google

Esempio: sei un logopedista e desideri che la tua pagina web venga visualizzata ben in alto quando qualcuno cerca su Google "Aiuto per migliorare la pronuncia"

Per trovare termini di ricerca efficaci, poniti le seguenti domande:

  • Quali sono i problemi del mio gruppo target?
  • Che cosa ricerca il mio gruppo target online?
  • Che cosa è interessante per il mio gruppo target?
  • Che cosa occupa i miei clienti perfetti?

In poche parole:

Mettiti nella testa e nei panni del tuo cliente modello e scrivi possibili domande che un cliente potrebbe farsi.

Verifica queste parole e i termini di ricerca con un Keyword Tool. Se il volume di ricerca idoneo, potrai profilarti come vincitori. E questo ci porta al prossimo punto:

13: Inizia a scrivere un blog

ottimizzazione SEO macchina da scrivere
Dopo aver concluso la ricerca delle keyword e aver creato una lista di termini di ricerca interessanti, è arrivato il momento di scrivere il primo articolo sul blog!

Quasi tutti i fornitori che offrono una base per siti web, per es. WordPress, consentono di creare dei blog post.

Lettura consigliata: Ecco perché il tuo e-Commerce ha bisogno di un blog

14: Scrivi testi che possano venire effettivamente trovati

Affinché il tuo sito web (o articolo del blog) venga trovato con facilità nei risultati di ricerca, il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di creare un testo più informativo, più lungo e ancora migliore di quello dei tuoi concorrentiUtilizza la struttura standard di un articolo:

Titolo

Crea un titolo che contenga la parola chiave e che stimoli la curiosità degli utenti. Rendilo interessante e allettante.

Introduzione

Presenta brevemente il contenuto dell’articolo, utilizza nuovamente la o le parole chiave e spiega ai lettori perché dovrebbero continuare a leggere l’articolo.

La parte principale

Struttura il testo in modo logico:

  • Se ha senso, spiega ancora una volta, più dettagliatamente, il tema/la parola chiave.

  • Avvicina il lettore al tema e struttura il testo con sottotitoli, in modo che il lettore possa cogliere velocemente il testo e il suo significato. In questo modo è possibile trovare velocemente parti interessanti e rilevanti.

  • Per rendere il testo meno serio e più interessante, puoi inserire immagini, video, citazioni o paragrafi, ovviamente solo se ha senso.

  • Cerca di usare frasi brevi che facilitino la lettura del testo e non annoino troppo facilmente il lettore.

  • Non usare un lessico troppo difficile o specifico. Cerca di utilizzare parole semplici. Se usi termini specialistici, è consigliabile spiegarli anche in parole semplici.

Suggerimentoscrivi i testi in modo che potrebbero essere compresi facilmente anche da un bambino di 10 anni. Questo metodo è ormai comprovato su Internet. Devi ricordare che spesso i tuoi clienti non sono esperti del settore, altrimenti probabilmente non avrebbero bisogno dei tuoi prodotti o del tuo aiuto.

Conclusione

Riassumi brevemente ancora una volta le parti più importanti del testo (e date la vostra opinione sul tema). Inserisci la keyword anche qui, se possibile.

Stimola la voglia di agire: probabilmente non vuoi limitarti ainformare i tuoi visitatori, ma desideri anche esortarli ad acquistare i tuoi prodotti. Per questo devi fare riferimento alla tua offerta, ad esempio:

  • Contattatemi subito per fissare un appuntamento.
  • Scaricate subito il mio libro per esaudire il vostro desiderio.
  • Fissate subito un appuntamento gratuito per una consulenza.

È fondamentale per non far uscire subito i visitatori dal tuo sito!

Ricordati anche di ottimizzare i tuoi articoli:

  • Il titolo deve essere compreso tra i 50 e i 60 caratteri
  • L’URL deve essere breve e conciso, ed è opportuno inserire la keyword
  • Ottimizza le immagini e inserisci Alt Tag (testo alternativo) alle immagini
  • Inserisci collegamenti a link interni ed esterni

Suggerimentocerca di postare almeno un articolo a settimana sul tuo blog.
Così Google & Co. capiranno che il tuo sito viene costantemente aggiornato.

Lettura consigliata: Crawl budget: cosa è e come aumentarlo per migliorare il tuo ranking

15: Ottimizza le tue landing page

Le landing page sono le sottopagine del tuo sito web responsabili del fatturato. Queste pagine sono, per così dire, i tuoi venditori digitali.

Queste pagine dovrebbero essere trovate direttamente dagli utenti. Per raggiungere tale scopo, vale la stessa regola degli articoli del blog: devono essere esaustive, ottimizzate e interessanti.

Inoltre, dovrai mettere in risalto al potenziale cliente il motivo per cui la tua offerta è quella migliore ed esortarlo ad agire/acquistare. In questo modo trasformerai i visitatori in clienti paganti.

16: Costruisci backlink/rapporti

I backlink hanno un’importanza decisiva nei settori competitivi per raggiungere le posizioni più alte nei risultati di ricerca.

All'inizio abbiamo già creato i primi backlink essenziali: Facebook, Instagram, Twitter, le directory, ecc. Ora è giunto il momento di fare un passo in avanti:

Vogliamo raccogliere i link di altri siti web rilevanti. Una possibilità è l’acquisto dei backlink. Tuttavia, non è consigliabile, in quanto sussiste il rischio che Google renda introvabile il tuo sito web nei risultati di ricerca, qualora tu venga scoperto. A Google non piacciono i backlink acquistati!

Il modo migliore per acquisire backlink è guadagnarseli. Per raccogliere automaticamente link, il tuo contenuto deve essere migliore dei testi della concorrenza.

Tuttavia, affinché i tuoi articoli e testi vengano scoperti, è opportuno catturare l’attenzione degli utenti. È possibile raggiungere tale scopo attirando l’attenzione dei gestori di siti web nel tuo settore tramite e-mail o i canali social media.

In alternativa, puoi pubblicizzare il tuo contenuto anche su Facebook, Google ecc. per acquisire lettori e backlink.

Una strategia assolutamente da adottare è la costruzione di un rapporto con il tuo consumatore. Interagisci sui social media con il tuo gruppo target, oppure scrivi regolarmente commenti utili su altri blog dello stesso settore.

fidelizzazione clienti

17: Diventa attivo sui social media

Le piattaforme dei social media sono ormai parte integrante della nostra vita quotidiana. Per cui è importante usare queste piattaforme anche per acquisire nuovi visitatori e clienti.

A seconda del settore, è utile concentrarsi su una piattaforma social media. Scopri dove sono più attivi i tuoi utenti target: Facebook, Twitter, Pinterest o YouTube? Una volta scoperto, concentrati lì.

Lettura consigliata: 15 idee di contenuti per la tua strategia di marketing sui social media

18: Testa, e continua a farlo

Ricorda che, per una buona ottimizzazione sui motori di ricerca che possa garantirti successo e nuovi clienti a lungo termine, ci vuole pazienza.

Non lasciarti scoraggiare se il giorno dopo la pubblicazione il tuo blog non apparirà subito tra i primi risultati per le tue tue  keyword desiderate.

Attieniti alla nostra check-list, continua a pubblicare articoli e collezionare backlink.

Conclusione

Ora sai esattamente che cosa devi fare per migliorare il tuo ranking ed apparire così tra i primi risultati su Google. Aumentare il traffico e le vendite sarà possibile a partire da ora.

È importare tentare sempre di migliorare e investire abbastanza tempo nell'online marketing. Spesso, pochi minuti al giorno sono sufficienti.

Lettura consigliata: 15 minuti di marketing al giorno bastano

Non dimenticare di scaricare la nostra check-list gratuita per avere una visuale completa dei passi da seguire per migliorare il tuo ranking a portata di mano. Migliora il tuo ranking a partire da ora!

check-list seo ranking

0 commenti