CPM: definizione, spiegazione e come si calcola

Nel marketing online si trovano innumerevoli termini, alcuni meno chiari di altri. Uno di questi è il cost per mille, o CPM. In questo articolo ti spieghiamo in modo semplice cosa significa e come si calcola.

INDICE

1. Cos'è il CPM (cost per mille)?
2. Come si calcola il CPM?
3. Come si utilizza il CPM?
4. Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del CPM?

Cos'è il CPM?

CPM è l'abbreviazione di "Cost per Mille" e descrive un metodo per calcolare i costi nella pubblicità su diversi media.

Il CPM tiene conto del prezzo per 1000 impressioni o visualizzazioni. In altre parole, si riferisce al prezzo che l'inserzionista è disposto a pagare affinché il suo annuncio ottenga 1000 visualizzazioni dai potenziali clienti.

💡 Una impressione non significa un clic. Un impressione si ha quando un utente visualizza il tuo annuncio. Un clic si ha se l'utente clicca sul tuo annuncio e finisce sulla tua landing page

Come si calcola il CPM?

La formula di calcolo del CPM è molto semplice: il prezzo dell'annuncio viene diviso per il numero di contatti raggiunti, e il risultato viene moltiplicato per 1000.

Prezzo dell'annuncio / numero di contatti raggiunti x 1000 = CPM

Facciamo un esempio: se un annuncio costa 500 € e il mezzo pubblicitario può raggiungere una media di 100.000 persone, il CPM sarà di 5€. La fatturazione viene effettuata non appena l'annuncio ha effettivamente raggiunto le 1000 impressioni.

formula cpm esempio

Il CPM si presta come un'ottima metrica per confrontare diversi fornitori e formati pubblicitari.

Il costo di un annuncio dipende dal mezzo pubblicitario scelto, dal gruppo target, dalla portata e dal posizionamento. Anche il tipo e le dimensioni dell'annuncio stesso influenzano il prezzo.

Come si utilizza il CPM?

Il CPM viene utilizzato per valutare la redditività degli annunci pubblicitari e per fatturarli di conseguenza.

Poiché solo la quantità e non la qualità dei contatti gioca un ruolo nel CPM, questa forma di fatturazione è adatta se l'inserzionista vuole, ad esempio, lavorare sul proprio branding e farsi conoscere.

Il successo effettivo di un annuncio dipende anche da altri fattori, come il design dell'annuncio o l'offerta.

Nel marketing online, il CPM viene utilizzato anche per banner pubblicitari, ecc.

Scopri la guida gratuita per aumentare il Click-Through Rate sui social media 👇

copertina libro bianco come aumentare ctr social media

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del CPM?

I vantaggi e gli svantaggi concreti del CPM possono essere riassunti come segue:

I vantaggi del CPM

  • costi comparabili per i diversi portali/mezzi pubblicitari

  • i costi possono essere distribuiti in modo più preciso

  • ampliare o aumentare il raggio d'azione e la consapevolezza del marchio

  • generalmente più economico degli annunci CPC (cost per click)

Gli svantaggi del CPM

  • nessuna qualità dei contatti bensì portata (quantità)

  • nessuna informazione o dato sugli utenti raggiunti e sul gruppo target

  • nessuna informazione sull'efficacia della pubblicità

 

Mostra le tue stelle nei risultati di ricerca su Google per aumentare il tasso di clic 👇

 Come ottenere stelle e recensioni su Google

Articolo in lingua originale: CPM Cost ou Coût pour Mille – Définition, explication et calcul

06/12/2023

© 2024 Trusted Shops AG  |  Informazioni legali  |  Protezione dei dati  |  Cookies