Valore minimo d'ordine nell'eCommerce: conviene o no?

Come gestore di un negozio online, probabilmente, ti sei già posto la seguente domanda: devo offrire un valore minimo d’ordine nel mio negozio online? Sia che tu sia nuovo nell'e-Commerce o che voglia semplicemente aumentare il valore del carrello dei tuoi ordini, qui sei nel posto giusto! In questo articolo daremo un’occhiata ai vantaggi e agli svantaggi del valore minimo d'ordine e vedremo anche alcuni consigli su come integrarlo nel tuo negozio online.

featured_Image-minimum_order_value-w700h350

Immagina: un cliente ordina solamente un prodotto con un prezzo basso. La spedizione è gratuita, quindi l'ordine viene completato rapidamente.

Come gestore del negozio online, ora devi occuparti della spedizione del prodotto.

Per un singolo prodotto a basso prezzo, la mole di lavoro che si crea dal lato logistico è eccessivamente alta in relazione al profitto; soprattutto se teniamo in considerazione che il guadagno, da questo ordine, molto probabilmente non sarà alto anche a causa del costo della spedizione.

Per i venditori, specialmente per le PMI, questo può diventare un problema a lungo termine, soprattutto se gli ordini di questo tipo iniziano ad accumularsi.

Non sempre è redditizio offrire la spedizione gratuita per quegli ordini che non superano un certo valore. Questo è il motivo per cui esiste il valore minimo d'ordine.

Il valore minimo dell'ordine rappresenta quindi una soglia minima di acquisto al di sotto della quale un acquirente non può concludere un acquisto. Molti rivenditori online lo usano per incoraggiare i loro clienti a ordinare di più, spesso in combinazione con l'offerta della spedizione gratuita.

Non solo piccoli negozi online, ma anche marchi noti come H&M, Moleskine, Alessi e Eastpak, per esempio, offrono la consegna gratuita solo sopra una certa cifra.

Per prima cosa, diamo un'occhiata ai vantaggi di avere un valore minimo d'ordine nel tuo negozio online.

Valore minimo d'ordine: i vantaggi

Uno dei vantaggi principali dell'introduzione di un valore minimo d'ordine è l'aumento del valore medio del carrello.

In altre parole, i clienti sono portati ad aggiungere più prodotti al loro ordine per raggiungere il valore stabilito: ciò aiuta ad aumentare il fatturato.

blogTitle-pricing_strategies

Qui puoi anche suggerire facilmente prodotti adatti ai tuoi clienti tramite l'upselling e il cross-selling.

Per esempio, se un cliente vuole ordinare un materasso nel tuo negozio, potresti offrire un coprimaterasso o della biancheria da letto abbinata in un pop-up o sotto il carrello della spesa. Questa strategia viene chiamata cross-selling.

Tramite la strategia dell'upselling, invece, si offre ai clienti un prodotto migliore ma con un prezzo leggermente più alto (per esempio un materasso di qualità superiore).

Soprattutto quando ai clienti manca una certa quantità per raggiungere il valore minimo d'ordine nel tuo negozio online, sono più disposti ad aggiungere un altro prodotto o uno più costoso all'ordine.

📚 Lettura consigliata: Incrementare le vendite con l'upselling e il cross-selling

Un altro vantaggio del valore minimo dell'ordine è la semplificazione della logistica e della spedizione.

Per questo motivo, molti negozi online introducono un valore minimo dell'ordine (gli ordini possono, dunque, essere effettuati solo a partire da un valore del carrello di, per esempio, 10 euro).

Questo assicura che tu e il tuo team dobbiate elaborare solo gli ordini con cui è possibile generare effettivamente un profitto.

Un valore minimo d'ordine assicura anche che il tuo business sia più sostenibile. Un minor numero di ordini significa anche che si usano meno materiali da imballaggio, si risparmia sui trasporti e, così facendo, si riducono le emissioni di CO2.

La sostenibilità è anche qualcosa che può plasmare positivamente l'immagine del tuo marchio. Gli studi mostrano che il tema della sostenibilità sta diventando sempre più importante per i consumatori nella vendita al dettaglio online.

📦 Lettura consigliata: Il ruolo dell'esperienza della spedizione nella fidelizzazione del cliente

Ti abbiamo mostrato i vantaggi di un valore minimo dell'ordine. Ora vedremo gli svantaggi dei valori minimi d'ordine nei negozi online.

Valore minimo d'ordine: gli svantaggi

Come avrai capito, un valore minimo d'ordine può essere un deterrente per i potenziali clienti.

È probabile che alcuni visitatori abbandoneranno la tua pagina non appena si renderanno conto che per concludere un ordine è necessario raggiungere un certo valore del carrello, in particolare, se ritengono che il valore stabilito sia troppo alto.

Un problema simile può sorgere se i clienti hanno cercato esplicitamente un certo prodotto e vogliono ordinare solo quello e nient'altro.

È probabile che preferiscano, di conseguenza, passare ai tuoi concorrenti o a un marketplace se questi non richiedono un certo valore minimo del carrello.

Si può supporre, quindi, che l'abbandono del carrello aumenterà nel tuo negozio online.

Naturalmente, ci possono essere anche altre ragioni per l'aumento dell'abbandono del carrello: una delle cause più comuni è complicare inutilmente la fase di check-out.

Scopri consigli utili a ridurre il numero di carrelli abbandonati nella nostra guida gratuita 👇

cta libro bianco checkout ottimizzato

Come scegliere se impostare un valore minimo dell'ordine o meno

Sta a te decidere se vuoi introdurre un valore minimo d'ordine nel tuo negozio online.

Desideri ricevere solo ordini che ti promettono un buon margine di profitto? Allora dovresti impostare un valore minimo d'ordine e eliminare così quegli ordini che, per esempio, non raggiungono 10 euro.

Il fornitore di cibo surgelato Bofrost, per esempio, offre la consegna solo a partire da un valore dell'ordine di 25 euro per il primo ordine (e di 10 euro per gli ordini successivi).

Tuttavia, questa restrizione significherà, molto probabilmente, che alcuni clienti non ordineranno da te in primo luogo.

Desideri invece ampliare la tua clientela? Allora potrebbe essere conveniente accettare anche ordini dal valore minore. Generalmente, ciò aiuta ad aumentare la fidelizzazione dei clienti, i quali saranno quindi felici di tornare sul tuo negozio online.

Vuoi risparmiare sulle spese di spedizione, ma allo stesso tempo dare ai clienti un incentivo per comprare di più? Allora potrebbe avere senso per te offrire la consegna gratuita a partire da un certo valore dell'ordine.

Questo significa che la tua clientela pagherà le spese di spedizione (di solito tra 4,90 e 6,90 euro, a seconda del servizio di spedizione) solo se rimangono al di sotto di questo valore.

📦 Lettura consigliata: Spedizione gratuita, 5 consigli per offrirla in modo vantaggioso

Consigli per integrare il valore minimo dell'ordine nel tuo negozio online

Dopo aver valutato i pro e i contro hai deciso di introdurre un valore minimo di ordine. Ecco allora 3 consigli per iniziare.

1. A quanto dovrebbe ammontare il valore minimo d'ordine?

Assicurati che l'importo non superi il valore medio del carrello dei tuoi clienti.

Quindi, se in media vengono effettuati ordini per un valore di circa 30 euro, il valore minimo dell'ordine non dovrebbe superare quella cifra.

💡 La maggior parte dei negozi online offre la spedizione gratuita già da 20 - 25 euro.

2. Come si può integrare il valore minimo dell'ordine nel mio negozio?

Le piattaforme di e-Commerce come WooCommerce, PrestaShop o Shopify ti aiutano nell'integrazione.

Puoi anche aggiungere un valore minimo d'ordine ai tuoi annunci su Google e Google Shopping ed è possibile configurare le impostazioni necessarie tramite il Google Merchant Center.

Guida gratuita: Google Shopping step by step

3. Come posso richiamare l'attenzione sul valore minimo dell'ordine?

Informa i tuoi (potenziali) clienti dell'importo minimo richiesto per l'ordine in modo chiaramente visibile sul sito web.

I visitatori del tuo sito dovrebbero essere in grado di vedere direttamente questa informazione. Pertanto, è consigliabile mostrare il valore minimo dell'ordine in alto (per esempio sopra la barra di navigazione) su ogni tua pagina e quelle dei vari prodotti.

Un'altra possibilità sarebbe quella di attirare l'attenzione con un pop-up.

💡 Vale anche la pena ricordare ai clienti l'importo che devono pagare per ricevere la spedizione gratuita. Soprattutto se si tratta solo di una differenza di pochi euro, si può facilmente convincere i clienti ad aggiungere un altro prodotto al loro carrello.

Aumenta il traffico organico delle tue pagine dei prodotti! Scopri ora i nostri consigli 👇

pagine prodotti ottimizzate seo

Articolo in lingua originale: Mindestbestellwert im E-Commerce: Sinnvoll für Ihren Online-Shop?

0 commenti