Come organizzare il tuo magazzino? Ecco le regole da conoscere

I venditori online che a causa dei lunghi tempi di consegna lasciano una cattiva impressione ai clienti non rischiano solo la perdita della reputazione. Possono anche essere sottoposti a procedimenti legali a causa del mancato rispetto dei tempi di spedizione...
L’organizzazione del lavoro di un magazzino non deve essere affatto complicata! Basta seguire qualche regola della logistica per assicurare il corretto funzionamento del magazzino.
Quali sono queste regole? Scoprilo in questo articolo.

blogTitle-optimising-logistics-ecommerce

Organizzazione di un magazzino: i principi fondamentali

Il livello di organizzazione del magazzino dipende soprattutto dalla quantità di merce stoccata.

Al venditore, che svolge la sua attività commerciale vendendo su Amazon, qualche mensola nel proprio garage sarà più che sufficiente.

Tuttavia, quando la gamma di prodotti si amplia e si registra un aumento delle spedizioni, il venditore dovrà scontarsi subito con i propri limiti. In questo caso è indispensabile avere un magazzino, di proprietà o in affitto.

La suddivisione del magazzino

Nel maggior parte dei negozi online basta un magazzino suddiviso in tre aree.

1. L'area di ricevimento

Qui è dove si svolge il controllo dell'integrità e della qualità delle merci al loro arrivo.  Nel frattempo, il fornitore può ritirare i bancali vuoti.

L’area ricevimento può anche fungere da magazzino di stoccaggio temporaneo, se il pallet consegnato non è ancora aperto.

2. L'area di stoccaggio

In quest’area vengono stoccati i singoli articoli. Nella maggioranza dei casi bastano gli scaffali tradizionali o gli scaffali drive-through, da cui il magazziniere preleva gli articoli richiesti.

3. L'area di spedizioni

Qui è dove la merce viene imballata e preparata per la spedizione. La merce con maggiore rotazione, che viene spedita spesso, può essere collocata nell'area spedizioni per un breve periodo.

In questo modo lo stoccaggio si fa prelevando la merce direttamente dal pallet. Questa pratica riduce tempo e spostamenti. In magazzini grandi la merce a grande rotazione viene stoccata nelle aree di stoccaggio preliminare nella zona spedizioni.

Indicazione importante per l’organizzazione del lavoro in un magazzino:

Le tre aree del magazzino non devono essere separate da pareti, che costituirebbero un ostacolo in caso di utilizzo di carrelli elevatori o transpallet.

Si tratta piuttosto di una suddivisione in zone, specificate tramite una marcatura sul pavimento per evitare che, per la fretta, la merce ricevuta sia collocata nell'area spedizioni.

L'assegnazione del luogo

Un magazzino dove un magazziniere (il picker) deve innanzitutto andare a cercare ogni articolo, non è un sistema efficiente.

organizzazione_magazzino

Spesso, nel momento in cui la merce viene preparata per la spedizione, si verificano dei ritardi perché la merce è "nascosta". Questi ritardi sono facilmente evitabili dando ai tuoi articoli una collocazione ben precisa.

Una numerazione o collocazione affidata al caso diminuisce la massima efficienza del negozio, e il fatturato può azzerarsi per l’alto numero di resi.

Noi consigliamo due possibilità:

1. Un'assegnazione numerica

Gli articoli vengono stoccati in ordine di numerazione sempre nella stessa collocazione. Questo metodo funziona per la maggioranza dei piccoli e medi negozi online con una gamma di prodotti relativamente ristretta.

2. Un'assegnazione incoerente della collocazione

Nel caso di negozi con alti quantitativi di spedizioni, il sistema numerico non risulta abbastanza flessibile per far fronte alle modifiche dell’assortimento delle merci. In alternativa, al prodotto nuovo si assegna il numero successivo di collocazione disponibile nel magazzino.

Questo metodo richiede che ogni numero dell’articolo sia associato ad una collocazione precisa nel magazzino.

Una confezione unica è uno dei fattori di distinzione del negozio online.

La pianificazione del magazzino

Dal punto di vista economico, mentre si pianifica un magazzino si deve pensare anche alla sua efficienza tecnica.

È pertanto opportuno considerare i seguenti fattori:

  • il numero di articoli nella gamma dei prodotti

  • le dimensioni degli articoli in magazzino

  • la scorta media e massima per ogni articolo a seconda della frequenza di spedizioni e della vendita che hai pianificato

  • il numero medio e massimo di spedizioni al giorno

  • il numero medio di articoli nel pacco; una spedizione che comprende tanti articoli è più efficace dal punto di vista dello stoccaggio

  •  il numero di resi.

E tu come organizzi il magazzino del tuo negozio online? Condividi con noi le tue osservazioni lasciando un commento in fondo al nostro articolo.

º   º   º

Scopri e sconfiggi efficacemente gli errori più comuni che molti negozianti compiono. Scarica il nostro pdf gratuito:

errori-comuni-negozi

0 commenti