Sostenibilità e eCommerce: regali più green con il furoshiki

Natale ormai è alle porte. La stagione del dare e ricevere è anche il momento migliore per chi ha un negozio online, fisico o digitale. Tuttavia, puoi fare un regalo anche al pianeta, e al contempo distinguerti dalla concorrenza. Oggi ti parliamo dell'arte giapponese di avvolgere i regali con la stoffa, il furoshiki. 

natale sostenibile pacchi regali di stoffa (furoshiki)

L'Italia e il Natale

Il momento più magico dell'anno è anche quello più redditizio per chi possiede un e-Commerce o un negozio fisico.

Secondo i dati condivisi da Confcommercio, l'anno scorso, in Italia, il giro d'affari legato all'acquisto di doni per le persone care è ammontato a circa 6,9 miliardi di euro.

Anche quest'anno, nonostante l'inflazione e il caro bollette, la spesa media pro capite per acquistare i doni sarà di circa 160 euro (contro i 200 dell'anno scorso). Quindi sebbene con un po' più di attenzione per i prezzi, secondo Confcommercio non si prospetta un Natale poi tanto diverso dal solito.

💸Lettura consigliata: Bollette più care, 10 consigli per ridurre il consumo in azienda

Il costo ambientale del Natale

Se la festa è salva per quanto riguarda le persone, non si può dire lo stesso del pianeta.

La società di gestione dei rifiuti inglese Biffa ha condiviso in uno studio dei dati preoccupanti. In questo periodo dell’anno la quantità di rifiuti prodotta aumenta dal 25 al 30%, e sono più di 100 milioni i sacchi della spazzatura pieni che vengono inviati alle discariche.

Secondo lo studio, a Natale:

  • sono 300.000 le tonnellate di cartone utilizzate per il packaging

  • un miliardo di cartoline di auguri finiscono nella spazzatura

  • la quantità di carta che viene usata per impacchettare i regali e poi buttata equivale a più di 360.000 chilometri

Per mettere l'ultimo dato in prospettiva, la carta da regalo che viene buttata, ogni anno, solo negli UK è sufficiente ad avvolgere la Terra per 9 volte attorno all'equatore.

Secondo Greenpeace, la produzione di ogni chilo di carta da regalo emette 3,5 kg di CO2 e utilizza 1,3 kg di carbone.

🔋Lettura consigliata: Sostenibilità e e-Commerce, carbon neutrality

Tutto questo senza contare i packaging di plastica o fatti con materiali non riciclabili, senza considerare l'enorme costo ambientale degli alberi di Natale che vengono abbattuti e poi gettati nella spazzatura e i regali non graditi che vengono buttati via.

L'arte giapponese di incartare i regali

In Giappone, quella di fare regali è una vera e propria arte. Questa comprende anche la maniera in cui il regalo viene offerto, e quindi l'impacchettatura.

🎎 Curiosità: fare i regali in terra nipponica è un tema così serio che esiste un vero e proprio galateo. L' Hōketsuzusetsu è un libro del 1764, in cui sono specificati i dos e i dont's (seguiti ancora oggi) quando si tratta di incartare e legare i pacchetti regalo.

Possiamo dire che le prime gift bag di stoffa, infatti, sono state create proprio nella terra del sol levante.

Furoshiki

I furoshiki sono dei quadrati di stoffa che vengono utilizzati per trasportare degli oggetti e, recentemente, per avvolgere i regali.

Sono nati come modo per trasportare ed evitare di perdere i propri vestiti quando le persone ancora frequentavano i bagni pubblici. Le prime persone ad averli utilizzati per scopi commerciali sono stati i commercianti di libri.

Le dimensioni sono variabili, e la stoffa può essere monocromatica o arricchita da delle fantasie.

Qua sotto trovi le istruzioni per avvolgere diversi oggetti, da scatole normali a bottiglie.

Se l'immagine è troppo piccola, cliccaci su col il tasto destro del mouse per aprirla in una nuova finestra

istruzioni su come avvolgere gli oggetti con il furoshiki

I furoshiki possono essere di cotone, e sono in genere i più comuni ed economici, ma con il tempo i materiali si sono evoluti, e in commercio si trovano anche in garza e in tessuti sintetici.

Ti consigliamo di evitare i tessuti che possono contenere microplastiche, perché al primo lavaggio rilasciano queste particelle nell'ambiente, rendendo così vani gli sforzi di trovare una soluzione più eco-friendly.

Potresti pensare che in realtà avvolgere un regalo nella stoffa non sia più eco-friendly rispetto all'utilizzo della carta da regalo, vero? E in termini di rilascio di CO2 e, soprattutto, quantità di acqua utilizzata per far crescere il cotone, in linea generale è vero.

Tuttavia, i furoshiki sono pensati per essere durevoli, riutilizzabili sia per scambiarsi doni che per utilizzarli come centro tavola o decorazioni da appendere al muro.

Chi acquista da te, se offri questa opzione, può decidere di regalare il furoshiki a sua volta per promuovere il trend anche in Italia, o chiedere la stoffa indietro e coservarla per la prossima occasione (altre festività o un compleanno).

🎁Lettura consigliata: Il nesso tra unboxing e fidelizzazione dei clienti

Inoltre, ci sono materiali ancora più ecologici.

Takoy, negozio nostro aderente, ad esempio vende vestiti personalizzabili che vengono confezionati su misura con le stoffe che crea.

Tra i vari materiali, c'è una selezione di stoffe dalle fantasie colorate fatte con il bambù. Questa pianta cresce molto velocemente e può diventare invasiva, quindi non sono necessari pesticidi per coltivarla, ed è un materiale resistente e comodo.

takoy-tessuto-bambu-furoshiki

Fonte: screenshot preso dal sito web Takoy

🎄 Accertati di aver preparato tutto con la nostra checklist 👇

copertina checklist per preparare ecommerce a natale

Incarta i regali senza nastro adesivo: un tutorial

Non hai la possibilità di inserire il furoshiki nella tua offerta? Incoraggia comunque chi ha effettuato un acquisto nel tuo negozio a sprecare meno.

Come?

Puoi stampare un codice QR nel packaging con le istruzioni per incartare il regalo senza dover utilizzare scotch o nastri di plastica, come nel video qua sopra.

La carta regalo, in linea generale, non è riciclabile. Comunica questo punto alla tua clientela, e suggeriscile di usare stoffa o carta opaca (senza la patina luccicante che rende la carta non riciclabile). Infine, condividi i tuoi consigli per un Natale più green. Non solo la clientela te ne sarà grata, ma anche il pianeta.

Checklist per un Natale più green

Babbo Natale vestito di verde

A parte le battute sul vestito di Babbo Natale, vediamo cosa puoi fare, in concreto, per distinguerti dalla concorrenza e fare un regalo al pianeta, vista la stagione.

  1. Anziché mandare le ricevute cartacee, offri la possibilità di richiedere solo una copia via e-mail. Noi di Trusted Shops ti aiutiamo a trasmettere fiducia anche in un momento delicato come quello del pagamento grazie alla nuova sezione di 🔒 eTrusted "Marketing Material"

  2. Offri packaging multiuso, con materiali riciclati e riciclabili. Puoi trovare alcuni esempi in questo articolo.

  3. Metti a disposizione di chi vuole effettuare un acquisto un'opzione di spedizione eco-friendly o a ridotto consumo di CO2

  4. La plastica è bandita: al posto dei classici materiali da imballaggio, puoi triturare il vecchio cartone di box ormai inutilizzabili per proteggere l'articolo

  5. Al posto dei classici biglietti di auguri, considera di "piantarla". Perché non spedire biglietti di Natale fatti di cartone biodegradabile e che contengono dei semi? In questa maniera, il tuo personale o la tua clientela può riciclare gli auguri e dar loro nuova vita

  6. Se spedisci i tuoi prodotti con una confezione regalo speciale, fa' sì che tra le possibilità ci sia quella di selezionare carta opaca, riciclata e riciclabile, senza nastro adesivo e adornata con materiali organici

  7. Utilizza la stoffa al posto della carta, magari per creare delle gift bag riutilizzabili, o offri l'opzione di avvolgere il regalo in un furoshiki.

  8. In linea generale, quello del second hand, o pre-owned, o pre-loved, è un trend che assume sempre più importanza anche in Italia. Crea una sezione nel tuo eShop dedicata a questo tipo di articoli e incoraggia chi vuole effettuare un acquisto a restituire vecchi capi di abbigliamento o articoli di elettronica anziché buttarli, magari in cambio di un buono o uno sconto sul prossimo acquisto

♻️Lettura consigliata: Sostenibilità e eCommerce, il potenziale del second hand

In conclusione

Il periodo più magico dell'anno è purtroppo anche quello in cui si consuma e si spreca di più. Cerca di limitare i danni offrendo una spedizione sostenibile, evitando la plastica, fornendo alternative più eco-friendly e incoraggiando la clientela a stare attenta all'ambiente.

Noi di Trusted Shops ti auguriamo delle feste serene⭐

Segui i nostri consigli per un e-Commerce più sostenibile tutto l'anno👇

 

checklist-sostenibilita

0 commenti